Offerta lavoro: Cercasi tecnico informatico senior.

golemRicerchiamo tecnico informatico senior da inserire all’interno del team di assistenza tecnica online ed onsite.
I candidati ideali sono Laureati in Discipline Tecnico Scientifiche (Ingegneria Informatica o cultura equivalente) ovvero laureati in discipline economico giuridiche, hanno maturato almeno 5 anni di esperienza e possiedono spiccate competenze su:
– Reti e sistemistica
– Sistemi operativi Windows server e Linux
– Sql Server
– Ottima conoscenza pacchetto Microsoft Office

Completano il profilo ottime capacita comunicative, profilo culturale adeguato è indispensabile conoscere le principali normative di riferimento e di funzionamento degli enti locali pubblici.
Il percorso di inserimento prevede una fase di stage retribuito e successivamente inserimento a tempo indeterminato full-time.
Necessaria Patente di Guida B e disponibilità alle trasferte.
La sede di lavoro è Valmontone (Roma) e verranno preferite candidature dalle zone limitrofe. Il tirocinio iniziale è riservato ai candidati che potranno usufruire del Progetto Garanzia Giovani (max 29 anni) oppure riservati alle aree di crisi della Regione Lazio per lavoratori in mobilità under 60.

Inviare il proprio Cv:

http://www.golemict.com/azienda/job-opportunity/

 

Istituto Donizetti di Pollena Trocchia (NA): primo sito web di una Scuola completamente a norma AGID.

E’ online il primo sito, relativo ad un istituto scolastico, che adotta le nuovissime norme in materia di comunicazione digitale.


Istituto Donizetti: a Pollena Trocchia (Na) il primo sito internet completamente a norma Agid. Un portale web che insomma rispetta tutti i nuovi dettami normativi dell’AGID: l’Istituto Comprensivo “Gaetano Donizetti”, di Pollena Trocchia (NA) ha inaugurato infatti da pochi giorni il nuovo sito istituzionale.

donizetti

L’istituto comprensivo Gaetano Donizetti di Pollena Trocchia in provincia di Napoli, primo tra gli istituti scolastici, ha messo on line il 2 maggio scorso un sito web istituzionale progettato secondo le nuove linee guida emanate dall’AGID, relative agli obblighi di Trasparenza, a cui sono tenute tutte le Pubbliche Amministrazioni.

 

Il progetto, ideato dalla Golem Ict e Datanet (aziende del gruppo Golemsoftware), rappresenta un’eccellenza nel campo dell’innovazione tecnologica delle amministrazioni pubbliche e  ci auguriamo che possa costituire un esempio di buona pratica per  altre amministrazioni della regione.

Il sito web  http://www.icdonizetti.gov.it/ è stato sviluppato secondo le nuove linee guida di design per le PA, che raccomandano di esporre le informazioni in maniera chiara e uniforme al fine di facilitare l’orientamento del cittadino attraverso un’armonizzazione dei dati. Il sito, nel rispetto delle direttive del codice dell’Amministrazione Digitale, contiene inoltre informazioni relative all’operato della Pubblica Amministrazione, seguendo i criteri di accessibilità, di usabilità e reperibilità, completezza di informazione, chiarezza di linguaggio, affidabilità, semplicità di consultazione, qualità, omogeneità ed interoperabilità.

Mia intervista su progetto aree sismiche su Lentepubblica.it

Il Terremoto di un mese fa che il 24 agosto 2016 alle 3:36:32, con epicentro situato lungo la Valle del Tronto tra i comuni di Accumoli, Amatrice (Provincia di Rieti) e Arquata del Tronto (Provincia di Ascoli Piceno), ha devastato il territorio e mietuto centinaia di vittime, impone una seria riflessione.

Il fatto che verranno riconosciute nuove risorse ai Comuni che, a seguito di sentenze esecutive di risarcimento conseguenti a calamità naturali o cedimenti strutturali, sono stati obbligati a sostenere spese di ammontare complessivo superiore al 50 per cento della spesa corrente sostenuta come risultante dalla media degli ultimi tre rendiconti approvati, è un segnale positivo. Le amministrazioni locali, però, non sono ancora abbastanza tutelate in queste situazioni. Cosa sarebbe necessario fare in merito? Ancora meglio: le amministrazioni locali come possono prevenire (o quantomeno ammortizzare) l’impatto devastante di questi fenomeni? Abbiamo raccolto il parere, sulla scottante questione, di Giuseppe Orefice, CEO dell’azienda Golem Ict, appartentenete al gruppo Golemsoftware, con sede a Valmontone, in provincia di Roma.

 

Andiamo subito al dunque, come nasce questa importante iniziativa?
Da una amara riflessione che purtroppo capita di sovente quando ci troviamo dinnanzi a catastrofi naturali dove, diciamo, l’uomo, l’attività antropica si direbbe, ci mette molto del suo. E molto ancora hanno fatto riflettere le parole di Papa Francesco e soprattutto del vescovo di Rieti Domenico Pompili che durante l’omelia ha espresso con forza che non è il sisma a fare le vittime ma le “opere dell’uomo”.

 

In che senso…
Noi produciamo ed ingegnerizziamo tutta una serie di prodotti e servizi dedicati alle pubbliche amministrazioni locali che servono a prevenire e controllare da un lato i rischi naturali dall’altro le attività non consone dell’agire umano, giusto per fare alcuni esempi: controllo satellitare dell’alveo dei fiumi, delle frane, della deforestazione, ed ancora sistemi per il controllo dell’abusivismo edilizio, delle discariche o cave abusive, eccetera eccetera. Tutti prodotti sui quali investiamo tantissime risorse umane ed economiche ma che in sostanza alla fine rappresentano più un fiore all’occhiello nei nostri listini che altro.

 

Nel senso che sono servizi poco venduti vuole dire?
Pochissimo o per nulla.

 

Questo perché accade?
Veda più che per ignavia o sottovalutazione, credo per mancanza di fondi. I comuni in particolare se la passano davvero male ultimamente. Però c’è una lettura sbagliata, perché in realtà sono investimenti che permettono di abbattere costi sociali e servono davvero a prevenire “tragedie annunciate”, e poi infondo permettono anche di agganciarsi, usando le tecnologie implementate, anche a servizi più tradizionali per rendere migliore la vita dei cittadini in termini di e-government e di trasparenza. Insomma è un processo ricorsivo: si migliora su più aspetti, anche su quelli finanziari.

 

Andiamo a questa iniziativa sul terremoto?
Veda come dicevo nasce dalla amara riflessione su quanto può fare la tecnologia in questi casi. Allora abbiamo deciso, dopo aver visto le immagini terribili che arrivavano dal centro Italia, di togliere un po’ di alibi da un lato e di dare un contributo vero dall’altro. Mi spiego meglio. Con il nostro partner storico su queste tematiche Geoslab, e colgo l’occasione per ringraziare pubblicamente Raffaele D’Ambrosio (Dg Geoslab ndr) per la sensibilità dimostrata, abbiamo innanzitutto deciso di non guadagnarci: daremo sostanzialmente i nostri prodotti e servizi a prezzo di costo in tutte le aree sismiche del Paese. Poi cercheremo di sollecitare i nostri clienti, ma non solo, sulle tematiche della prevenzione e su quanti e quali siano i benefici reali nel medio periodo.

 

Bella iniziativa e cosa metterete a disposizione degli Enti?
Tutto il nostro know-how. In particolare l’ausilio sulla redazione ed ingegnerizzazione dei Piani di emergenza comunale della Protezione civile; ma poi come si è visto anche dove questi piani c’erano nessuno li conosceva.

 

E quindi, come si fa?
Anche qui con la tecnologia; realizzeremo, sempre e solo facendoci remunerare le spese vive, dei portali georeferenziati e delle app che permettano non solo la divulgazione dei Piani comunali ma anche delle guide interattive e della formazione ad hoc da attuare nel momento in cui, speriamo mai, l’emergenza si concettizza. In qualche realtà queste cose sono state fatte e funzionano molto bene. Anzi le dirò hanno fatto scuola in Europa. Il problema è che si contano sulle dita di una mano.

Pubblico Impiego: il piano di licenziamento lampo degli assenteisti

Il dipendente pubblico che timbra il cartellino senza andare in ufficio, o sorpreso in flagranza di altri illeciti disciplinari, sarà sospeso dal lavoro e dalla retribuzione nell’arco di 48 ore. Nello stesso tempo scatteranno, da una parte, le procedure per il licenziamento e, dall’altra, quelle per l’esame della Corte dei Conti dell’eventuale danno erariale.

 

“Chi viene beccato a timbrare il cartellino ed andarsene viene licenziato entro 48 ore: è un fatto di buonsenso e di correttezza perché permette a tutti gli altri dipendenti della Pa di essere guardati a testa alta”,  ha detto ancora il presidente del Consiglio.  “Dobbiamo valorizzare le donne e gli uomini che lavorano nella Pa e che, nella stragrandissima maggioranza dei casi, sono onesti: hanno bisogno di sentire al proprio fianco la vicinanza dello Stato. Perciò abbiamo annunciato una cosa molto semplice, banale, e non so perché qualche sindacato abbia fatto polemica”, ha aggiunto.

 

Dunque “pugno di ferro”, promette Renzi: “mercoledì in Cdm porteremo la nostra proposta: chi fa così deve essere licenziato entro 48 e se il dirigente non procede rischia lui stesso.

 

Il ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia non cambia linea: per i dipendenti statali “l’articolo 18 non si tocca. “Mi accontenterei di licenziare quelli che truffano, che rubano, che sono assenteisti. Senza che qualche giudice del lavoro li reintegri. Ma nel pubblico è impossibile che, cambiando maggioranza politica, si possa licenziare: sarebbe discriminatorio.”

 

Alla lunga lista di provvedimenti targati Madia in rampa di lancio, oltre dieci, si aggiungono quindi le misure per rendere più facili i licenziamenti e probabilmente anche quelle per rafforzare lo strumento della visita fiscale, passando le competenze dalle Asl all’Inps, come polo unico per i controlli.

 

Uno degli atti al vaglio di Palazzo Chigi prevede la ghigliottina sulle società controllate o collegate agli enti pubblici. Nei prossimi 18 mesi le amministrazioni dovranno eliminare le partecipazioni inutili o quelle che hanno più amministratori che dipendenti. Anzi da quel momento si passerà all’amministratore unico, eliminando il poltronificio per i trombati della politica. Chiusura per consorzi e le imprese con fatturato sotto 1 milione di euro.

 

Giusto combattere i fannulloni del Pubblico Impiego – è la reazione unanime dei sindacati -, che però reclamano un’accelerazione anche sul rinnovo dei contratti. Con l’accorciamento dei tempi per le sanzioni si rischia di aumentare il contenzioso ha avvertito Maurizio Bernava, Segretario Confederale della Cisl.
Pubblicato da lentepubblica.it il 18 gennaio 2016

#INDIFESI

Sono passati 5 anni da quando Nino pubblicava questo, per me, piccolo capolavoro.
Parla di storie vere: di barconi che affondano, di reti piene di cadaveri, di gente inerme che annega disperata; parla di Rosarno, della gente del mare e di tanti bimbi che oggi non ci sono più.
Resta invece l’ipocrisia ed il razzismo di una Europa unita solo nella ipocrisia.
Restano soli falsi, ipocriti, miseri ed illusi.
Resta la vergogna. Nemmeno più un fiore.

Raccolta di aiuti a favore dei profughi.

Carissime, carissimi
Il Forum Immigrazione PD Nazionale insieme al  PD Roma e ai GD di Roma promuovono una raccolta di aiuti a favore dei profughi che in queste ore si trovano nella struttura di Via Cupa e nella tendopoli che è stata allestita presso la Stazione Tiburtina. Si tratta di centinaia di persone, fra loro molte donne e oltre 100 bambini.
Il  Circolo dell’Esquilino  partecipa all’iniziativa promuovendo un punto di raccolta degli aiuti in via Galilei 57 nei seguenti giorni

mercoledì 17, giovedì 18 dalle ore 18.45 alle 21.00

venerdì 19 giugno dalle ore 18.30 alle 21.00.

 

Comunicheremo altre eventuali date  successivamente.

Di seguito l’elenco dei generi di cui vi è maggiore necessità.

ABITI: Vestiti (no taglie grandi), Biancheria intima (solo nuova), calzini (solo nuovi) , scarpe, scarpe per bambini (se possibile aperte).

VETTOVAGLIE: piatti di plastica, bicchieri di plastica, posate di plastica, tovaglioli  e tovaglie di carta, scottex o carta casa, guanti monouso, shopper di plastica.
PULIZIA PERSONALE: saponette allo zolfo, saponi igienizzanti, shampoo, bagno schiuma, assorbenti, spazzolini, dentifrici, salviette umidificate, schiuma da barba, rasoi monouso, pannolini.
CIBO: legumi, cous cous, olio, latte a lunga conservazione, biscotti, pasta, passata, sale, riso, tonno.
GIOCATTOLI.

 

Ci informano che c’è assoluto bisogno di biancheria intima da uomo (nuova)